LE CITTA' INVISIBILI

Le città invisibili, di Italo Calvino.
Un crogiolo deliziosi di mondi e di città.
Situate sulla terra, nel cuore, nel cielo o nell'aria.
Un viaggio che porta pagina dopo pagina, lontanissimo.

E da una frase magica, di quelle sottolineate in un giorno di primavera ai giardini della Guastalla dietro l'università di Milano, ho deciso di farci il fondo di una sedia!

Raissa, città triste. Da sempre tra le mie preferite.

MARZO

ah......
felicita'...
su quale treno della notte viaggerai
lo so.....
che passerai......
ma come sempre in fretta
non ti fermi mai

Lucio Dalla.
4 marzo.

Pοδοδάκτυλος

Giornate in movimento.
La scrittura vuole il sedere sul letto e i pensieri volanti sopra. Come una nuvola. Come il vapore. In attesa che si condensino in una forma riconoscibile e governabile. Non sempre la si trova, la forma.
Corro dietro alle riflessioni di questi ultimi giorni tra Torino e Rimini senza riuscirci pienamente.

La neve la porto io. E' ufficiale.

Pages