Cestini di Parmigiano

Ci sono cose che non riesco a non trasportare da Rimini a Torino.
Cose che a comprarle qui mi sembra abbiano un sapore diverso. Anzi, non mi sembra, ce l'hanno, un sapore diverso.Olio, piade e parmigiano si portano da casa. E in grandi quantità.
Il Parmigiano Reggiano in particolare.Quello buonissimo. Quello che si può anche grattugiare,ma è talmente buono a scaglie che da grattugiare ne rimane sempre ben poco. A casa mia il parmigiano già grattugiato quello nella busta, per intenderci, non è mai entrato, fino all'altro giorno, quando ho deciso di fare i cestini.

Qualche anno fa, a un matrimonio, ci avevano servito, tra gli antipasti dei cestini di parmigiano con dentro una cucchiaiata di risotto allo zafferano, me ne ero innamorata.Ho sempre pensato di provare a rifarli senza mai concretizzare. L'altra sera ho avuto l'illuminazione: risotto zucca e speck in cialde di parmigiano. Il risotto alla zucca è una delle mie passioni, lo faccio sempre, ma volevo dargli un vestito elegante, per una volta.
Non avevo molto tempo così sono passata al supermercato e ho comprato due buste da 100 grammi di parmigiano reggiano grattugiato.
Fare i cestini è facilissimo.
Si prende una padella antiaderente (la mia era di circa 15 cm di diametro) e si fa scaldare per una trentina di secondi. Poi ci si versa sopra il parmigiano grattugiato e si distribuisce in modo uniforme (circa 80 grammi). Quando il parmigiano inizia a friggere si spegne e si lascia riposare per qualche secondo.
A questo punto con una forchetta si solleva un po' un bordo e poi tutto il cerchio ottenuto e si adagia su una ciotola (quelle da corn flakes) capovolta.
A questo punto si fa il risotto (non troppo lento) e quando è cotto si mettono i due cestini di parmigiano in due piatti piani con dentro il risotto.
Buonissimi e di Gran Riuscita!