Cheesecake dei giorni di pioggia

Lunedì di Pentecoste.
Giorno di festa in Germania. Per noi un lunedì normale, di pioggia, dopo una domenica, di pioggia pure lei.
Ne avremmo un po' le tasche piene!
So che si parla del tempo quando non si ha nulla da dire.
Ma la mia metereopatia sta diventando, complici gli eventi dell'ultimo inverno a dir poco freddo, una metereonevrosi con tutti i carismi.
Se ci fosse stato Fabio avremmo litigato a manetta in giornate come questa. Due anni fa a Ibiza, nelle uniche due ore di pioggia che ha fatto abbiamo avuto la tentazione di prendere un aereo e tornare a casa, tanto ci eravamo simpatici. Tornato il sole, giorni magici di mare e di bagni freddi fuori stagione.
E, dopotutto, se non avesse piovuto a dirotto ieri e l'altro ieri, forse, sarei andata a prendere il sole (più che il sole, la luce, sento di avere intimamente bisogno di luce, le mie viscere la richiedono a gran voce!), sul fiume Neckar. Anziché fare una torta.
Oppure in piscina.
Oppure con un bel libro, su una qualsiasi panchina, senza bagnarmi, congelarmi o farmi portare via da un vento che da ieri sera soffia forte e rumoroso come a simulare la presenza di un qualche strano animale, laggiù, verso il fiume, dopo le case.
Invece piove, quindi Cheesecake dei giorni di pioggia, dolce non proprio tipico, ma mi sto organizzando comunque per sperimentare, con dizionario alla mano, qualche KUCHEN tedesco.
E comunque qui la Cheesecake ha il suo perché visto le confezioni giganti di Quark presenti nei supermercati. Il Quark per la Cheesecake è perfetto: decisamente meglio del Philadelfia (troppo fintamente light!) e del Mascarpone (troppo pesante per questo dolce già ricco di burro e cioccolata!).

Ingredienti

400 gr. Cioccolata bianca
150 gr. Burro
250 gr Vollkorn-Butterkekse. Ovvero biscotti al burro integrali. Noi abbiamo usato quelli del negozio biologico vicino casa, ma io penso che i Leibniz integrali ci si avvicinino molto e si trovino anche in Italia. In alternativa potete provare con gli Oro Saiwa integrali (versione dietetica!) o i Digestive, con cui non si sbaglia mai!
1 pizzico di cannella
500 gr. Quark magro.
250 gr. Yogurt intero alla vaniglia
2 cucchiaini di zucchero vanigliato
la scorza di un limone.
1 barattolo di marmellata di fragole (350 gr. Circa) o frutti di bosco.
1 cucchiaino pieno di amido di mais.
Qualche fragola e mirtillo freschi, per decorare.

Sbriciolare finemente i biscotti con un bicchiere, un martello, un batticarne, insomma, con quello che avete a disposizione
Fare sciogliere il burro e unirlo ai biscotti sbriciolati per fare la base della torta.
Ricoprire con il composto una tortiera (la mia è di 24 cm di diametro, probabilmente va meglio una di 26), e mettere il tutto in frigorifero per almeno mezz'ora.
Fare sciogliere il cioccolato bianco a bagnomaria, nel frattempo mescolare in un recipiente Quark, Yogurt alla vaniglia, un pizzico di cannella, lo zucchero vanigliato e la scorza di un limone. Quanto il composto risulterà cremoso aggiungere il cioccolato bianco fuso.
(Se avessimo avuto uno sbattitore elettrico sarebbe stato meglio mescolare con quello e magari aggiungere una chiara di uovo montata a neve in modo da rendere un po' più solido il composto. Ma, in assenza, si fa quel che si può!).

Spalmare il composto così ottenuto sulla base di biscotti e burro e riporre il tutto in frigorifero.
Scaldare la marmellata di fragole a bagnomaria con l'aggiunta del cucchiaino di amido di mais fatto sciogliere in due dita di acqua calda.
Spalmare la marmellata sullo strato di quark cioccolato e compagnia bella... facendo attenzione a non mischiare tutto visto che lo strato bianco non sarà ancora completamente solidificato.
Decorare con qualche fragole e mirtillo.
A questo punto io consiglio di mettere la torta in freezer una mezzora o un po' di ore in frigorifero prima di mangiarla!
L'ideale sarebbe utilizzare una tortiera a cerniera, che io, qui, non avevo. Con le altre, infatti, per togliere la torta e metterla in un piatto si rischiano crepe, cedimenti e trame. Per fortuna anche nei casi peggiori a risentirne è giusto la presentazione finale, il gusto rimane pressoché intatto!

CONSIGLI:

1)Per il reperimento di Quark gigante e Yogurt alla Vaniglia, consiglio la Lidl. Di solito qualcosa di strettamente crucco si trova anche nei supermercati tedeschi espatriati, anche se qui le cose costano meno e le dosi sono più adeguate.

2)Se c'è il sole andate al mare, in montagna, al parco, a caccia di farfalle, NON state a casa a fare la Cheesecake! Uscite e prendetevi un gelato!

3)Se già piove e avvertite qualche buco di affetto non guardate Tarzan, il cartone della Disney. Io, Aurora e la sua mamma abbiamo fatto un colossale errore. In realtà doveva vederlo solo Aurora in modo che il resto del trio potesse dedicarsi a tematiche più elevate, ma nessuna si è mossa dal divano e il pomeriggio nella giungla è finito in un mare di lacrime, onore al merito, la piccola meno delle grandi! A questo punto dopo novanta minuti di gorilla buoni, orfani di varie specie, uomini cattivi e amori difficili, quando finalmente Tarzan diventa il re delle scimmie e vaga felice tra le liane con Jane, a noi non è rimasto altro da fare che soffiarci il naso e buttarci sulla Cheesecake dei giorni di pioggia, razione doppia.

Uhuhu huhu aha? (Com'è?)
uhuhu hihhuhu uh! (Buonissima!)
Uhuhuh uhu huhuihi (Ne prendo un'altra fetta!)

Tarzan è magnifico! Vi sentirete molto più Gorilla di quel che pensavate!
Buona Torta!

AttachmentSize
Image icon cheese.jpg135.92 KB

Comments

SLURP! quando torni ti facciamo provare la tofucake dei giorni di sole! :)

Purchè siamo in cinque. Due felini, due donne e....!

Complimenti per le tue esplorazioni dolciarie,se quella della foto l'hai fatta tu sei veramente brava.
Mi sembra talmente eloquente l'immagine da sentirne quasi il sapore,(sono molto goloso con tutte le implicazioni di linea che comporta)pero'quando<< finalmente >>tornerai a casa sai di avere un impegno con noi,quello di Pasqua è saltato
ma purtroppo contro i parenti non si discute,allora magari qualche cosa di particolare te la facciamo sentire noi.
A presto un abbraccio da me e Marisa

Così è nominabile! Se trovo tutti gli ingredienti, ve la porto, quando ci vediamo..Sperando che non faccia troppo caldo e si sciolga nel tragitto.

In 5! promesso! anche in 6, porta la Maela! :)